Venerdì, 26 Luglio 2013 11:39

L'India Dice Stop Ai Telegrammi: E L'Italia?

Scritto da  Marco

La notizia dello stop al servizio telegrammi in India (non unica nazione ad aver preso questa decisione) ha fatto pochi giorni fa il giro del mondo. L'addio ai telegrammi, dopo 163 anni di onorato servizio, era stato in realtà annunciato circa un mese fa, ma è divenuto effettivo dal 15 luglio scorso. La decisione è dovuta alla insostenibilità economica dal servizio, soppiantato dalle nuove tecnologie.

Spedito l'ultimo telegramma in India

Nell'ultimo giorno di funzionalità del servizio, gli uffici postali indiani sono stati letteralmente assaltati da persone che volevano spedire l'ultimo telegramma di souvenir. In molti reclamavano anche il mantenimento del servizio.

C'è chi sostiene la necessità dell'abolizione del servizio anche nel nostro Paese, analizziamo quindi un po' meglio la questione.

Il telegramma in Italia

In Italia, invece, il telegramma, nonostante una giustificabile flessione, è ancora diffuso, con un totale di 9,1 milioni di telegrammi spediti nel 2012.
Viene infatti ancora molto utilizzato per recapitare messaggi di condoglianze e anche di congratulazioni.

Giusto dire stop ai telegrammi?

Quelli che sostengono la necessità di sospendere il servizio anche in Italia lo reputano un mezzo anacronistico se rapportato alle moderne tecnologie. Se questo può essere vero per certi ambiti, come quello commerciale, in cui può essere vissuto come un'inutile “burocratizzazione” (ricordiamo oltretutto che l'impiego del telegramma in questi settori è quasi totalmente superato), questo non può invece dirsi per altri impieghi.
Il telegramma rimane a nostro parere ancora il mezzo più idoneo in certe situazioni, in primis ovviamente per dimostrare la propria partecipazione nel caso di un lutto. Vi parrebbe infatti opportuno inviare le vostre condoglianze tramite sms, email o magari WhatsApp? La risposta certamente è no.
Ogni mezzo di comunicazione quindi, anche nel 2013, può avere una propria autonomia ed essere impiegato opportunamente in relazione al contesto.

Il telegramma online: il compromesso tra tradizione e innovazione

Dei più dei 9 milioni di telegrammi inviati in Italia lo scorso anno, ben il 17% è stato inviato da Internet. Un modo semplice e veloce per spedire in pochi click i propri messaggi di condoglianze o le proprie felicitazioni, senza rinunciare al valore, e perché no, al fascino, della consegna cartacea.

Il telegramma online può rappresentare quindi il giusto compromesso?

 

Photo Credits: (1) Amio Cajander. via photopin cc - (2) AP – La Stampa

Letto 9375 volte
Aggiungi commento

Persone in questa conversazione

Seguici su...

Ci trovi su Facebook

 

Su Linkedin

Il nome utente corrisponde all'indirizzo e-mail con cui ti sei registrato, esempio: esempio@esempio.it